Pubblicato da: Nanà | 05/07/2009

Tutto in un giorno

Banner protesta blog

Banner protesta blog

Pochi giorni fa è stato approvato il DDL sicurezza, quello che prevede l’istituzione delle ronde, l’inserimento del reato di immigrazione clandestina e che contemporaneamente riguarda anche la blogosfera italiana. Un ritorno indietro di anni.

Lo stesso giorno a Roma (per la cronaca proprio dietro casa mia) viene stuprata una ragazza, guarda un po’, da un tizio con passamontagna che parla romano… Se non sbaglio Alemanno ha basato la campagna elettorale proprio sull’insicurezza della capitale, cosa falsa perché al momento delle elezioni Roma risultava come una delle città più sicure in Europa. Ieri ho letto che a Monteverde (un quartiere della capitale) un congolese è stato aggredito perché extracomunitario.

Lo stesso giorno dell’approvazione del decreto sicurezza, sempre Roma veniva invasa da una tempesta tropicale. Alberi sradicati, allagamenti, elettricità assente, cartelloni pubblicitari volati lungo le strade. Beh ieri alcune zone erano ancora chiuse al traffico. Ma tranquilli, Alemanno ha annunciato che presto ci sarà una strada… dedicata al “grande statista” Bettino Craxi.

Contemporaneamente alle notizie sul DDL, allo stupro e all’uragano ho seguito la faccenda della cena di B. con i giudici della Corte Costituzionale proprio poco prima della decisione sul Lodo Alfano, quello che gli consente di non essere processato. Proteste? Sdegno? Solo Di Pietro ha chiesto le dimissioni dei giudici e per questo ovviamente viene considerato una testa calda… Il PD, principale partito d’opposizione di CENTROSINISTRA, si è schierato compatto… contro Debora Serracchiani, rea di aver fatto notare che forse nel partito comincia a esserci qualche mummia di troppo.

E noi? questa è la cosa che mi preoccupa di più, sembriamo assuefatti, rassegnati. Il paragone di Travaglio con Calciopoli rende l’idea di quel che siamo diventati.

P.S. Il 14 luglio il blog aderirà allo sciopero contro il Decreto Alfano e rimarrà in silenzio per tutta la giornata.

Annunci

Responses

  1. Una unica parola: AMAREZZA

    • Vero, tanta amarezza. Forse però ne provo di più per noi stessi che rimanaiamo con le mani in mano e ci limitaimo a guardare quello che succede intorno senza nemmeno provare a cambiare le cose, e ne avremmo anche l’età e il diritto…
      Mi piacerebbe una cosa: so che molte persone leggono il blog senza commentare. Rispetto in pieno questa scelta, anche io faccio lo stesso a volte. Ma mi farebbe piacere se questa volta vi fermaste a scrivere anche solo una parola come ha fatto Luca. Sempre che ve la sentiate ovviamente 😉

  2. Cara Valeria,
    il limite della decenza è stato superato già da tempo, l’ultima beffa è che se leggi i giornali e soprattutto se guardi i tg non succede mai nulla di grave o se accade è sempre colpa di qualcun altro. Amarezza rende ancora molto poco l’idea, io sono molto incazzato.
    Un caro saluto.

    • Vero, anche io lo sono e anche con noi stessi, non avremmo dovuto permettere che si arrivasse a questo punto.
      Un saluto


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: